Scuolainfanziarogoredo

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio

Imparare a programmare con le app

Schermata-2011-04-23-a-19.472

Riprendiamo un post interessante da [Biblio] Media Blog. Il blog delle biblioteche pubbliche digitali italiane

“Ecco quindi una breve presentazione di app utili per imparare a programmare, naturalmente tutte disponibili in rete ma organizzate e raccolte anche nella sezione App di MLOL e accessibili senza effettuare il Login. Tutte queste app sono in inglese, i comandi e la grafica sono però così chiari che non è necessario conoscere la lingua.

kodablePer iniziare si può partire da Kodable, app piuttosto semplice che ha come obiettivo quello di spiegare i concetti base della programmazione a bambini dai 5 anni in su. Piccoli alieni devono rotolare lungo un percorso attraverso il quale possono guadagnare crediti per sbloccare nuovi personaggi. I bambini impareranno a creare sequenze logiche, a creare algoritmi e svilupperanno capacità di problem solving ogni volta che dovranno superare un nuovo ostacolo. Sono previste opzioni a pagamento per alcune funzioni dell’app, prima di accedere alle quali, tuttavia, è richiesto al genitore di risolvere una piccola operazione matematica.

400x400bbQuando Kodable sembrerà ormai troppo semplice, provate Lightbotdisponibile per Android ed iOS nella versione gratuita pensata per l’Hour of Code. Un piccolo robot deve muoversi su un cubo per raggiungere il suo obiettivo: accendere una lampadina. I primi livelli sono molto semplici: ci si orienta nello spazio, si impara a superare qualche ostacolo lungo il percorso e se si sbaglia si può ripartire da capo ricostruendo il codice. Man mano che i livelli aumentano crescono anche le difficoltà, il codice diventa più complesso e la sfida si fa più divertente; chi saranno i più bravi ad accendere lampadine: bambini o genitori? Superati i  tre livelli di complessità proposti dall’app si ha diritto al diploma ufficiale dell’Hour of Code da archiviare nel proprio profilo personale.

400x400bb (1)Altra app divertente è Tynker, in cui si può scegliere se giocare con il coding attraverso due giochi gratuiti già pronti all’uso: Candy Quest (piuttosto simile a Scratch Jr e Lightbot) oppure Crash Course, che introduce alla programmazione di robot e droni. I livelli da superare sono 21 per Candy Quest e 18 per Crash Course, ad ogni livello naturalmente aumentano le difficoltà e superarne uno significa acquisire nuove capacità logiche. La seconda parte dell’app serve per crearsi il proprio videogioco: si può iniziare da uno dei numerosi tutorial, suddivisi per livelli (dal principiante all’avanzato)  e attività (videogiochi, storytelling, animazione, musica, fisica…) ed anche prendere ispirazione dai vecchi giochi riproposti in chiave grafica nella sezione Arcade (Dragon Attack, Space Cow, Zombie Siege…) per crearne di nuovi. Tynker consente anche di creare un proprio progetto partendo da zero attraverso il Blank Project.

In Tynker sono inoltre presenti due speciali sezioni dedicate una agli insegnanti e l’altra ai genitori. Alcuni dei giochi presenti prevedono un pagamento, ma viene comunque richiesta una piccola operazione matematica prima di procedere, in modo da evitare incauti acquisti da parte dei bambini più piccoli.

200x200bbThe Foos, adatta a bambini dai 5 anni in poi, presenta 44 livelli di difficoltà: si parte da comandi molto semplici per arrivare poi, negli ultimi, a far compiere a personaggi e azioni più complesse. I personaggi sono mostriciattoli che, attraverso i loro diversi cappelli, ricordano figure professionali come il poliziotto, il costruttore edile, l’astronauta, il cuoco, il ninja, ciascuno dei quali deve compiere azioni riferite in qualche modo alla propria categoria. Anche The Foos è nata in occasione dell’Hour of Code, è disponibile per moltissimi dispositivi ma è utilizzabile anche online su PC.  Al termine di un’ora di gioco con l’app o con il browser è possibile ottenere il diploma dell’Hour of Code. Interessante la sezione del sito dedicata agli insegnanti in cui si trovano le spiegazioni dettagliate del gioco, la durata di ciascun livello, le abilità che si possono sviluppare e diversi suggerimenti pratici per lavorare in classe con gli studenti.

mzl.gmxqjxcgConcludiamo questa carrellata di presentazioni con Hopscotch, disponibile solo per iPad: un’app  che ricorda molto Scratchjr per la logica di costruzione del codice, naturalmente con qualche piccola differenza. Attraverso Hopscotch si possono ricreare videogiochi popolari, oppure se ne possono creare di nuovi partendo da un progetto vuoto. Per genitori ed insegnanti è disponibile un curriculum dell’app in cui vengono illustrate le funzioni e proposte diverse lezioni con progetti spiegati passo passo, per insegnare ai bambini a muoversi con facilità attraverso il codice. Sono diversi i tutorial disponibili online e interessanti gli articoli del blog della comunità Hopscotch”

 

Archiviato in:Sotware didattici

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Amici (cartoni, fumetti e trasmissioni televisive)

Blogroll

Canzoni

Consigli di lettura

Disegni da colorare

Giochi da fare sul PC (e non solo)

Ricette per bambini

Siti educativi e didattici

Software didattici

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: